Acquisto casa con diritto di superficie a prezzo di mercato

Buongiorno,
3 anni fà ho acquistato una casa con diritto di superficie a prezzo di mercato. All’epoca non sapevo che il valore di un immobile con diritto di superficie è molto più basso; la cosa l’ho scoperta solo ora che sto provando a vendere la stessa. In pratica al possibile acquirente la banca non concede il mutuo perchè il valore richiesto è troppo elevato rispetto al valore della casa che ha diritto di superficie. Mi sono informata ed ho scoperto che è illegale vendere un immobile di questo tipo a prezzo di mercato. A questo punto mi chiedo, è possibile denunciare banca e notaio con i quali ho effettuato il rogito 3 anni fà e richiedere i danni? In fondo sono stati ben pagati per effettuare tutti gli accertamenti ed hanno dato il consenso alla vendita di un immobile ad un prezzo illegale. Grazie infinite per l’attenzione. Saluti

4 Commenti

  1. Salve, sul fatto che gli immobili in diritto di superficie abbiano un valore molto inferiore a quello di mercato, ci andrei molto cauto in quanto, anche se la normativa sembrerebbe dire questo ma è necessario leggere sempre la specifica convenzione, siamo pieni zeppi di compravendite effettuate ai prezzi di tutti i giorni o poco più bassi.
    Questo probabilmente accade per due fondamentali motivi: in primo luogo le leggi di riferimento sono molto vaghe e lasciano spazio ad innumeroevoli interpretazioni e come su detto quello che conta veramente è la convenzione del diritto, differente in tutti i casi; in secondo luogo vi è sempre la possibilità di acquisire la piena proprietà riscattando il diritto dal comune che ha stipulato detta convenzione, sempre se possibile.
    Io farei in questo modo, procurarsi una copia della convenzione che deve essere riportata sull’atto di compravendita, farla leggere ad una persona competente tralasciando internet che pure è utile ma ha i suoi limiti, anche perchè se su tale convenzione ce su scritto chiaro e tondo che esiste un prezzo entro il quale non si può vendere proprio in funzione della calmierazione dei prezzi che queste convezioni vogliono perseguire, allora si potrebbero configurare seri problemi all’orizzonte, e sarebbe il caso di attivarsi con un azione legale.
    Spero di essere stato d’aiuto per quanto possibile, magari mi faccia sapere commentando questo post, come va avanti la vicenda, un saluto.

    • grazie. In questi giorni mi muoverò e cercherò di capire come muovermi. L’aggiornerò sicuramente sull’esito finale. saluti

      • Grazie a lei Daniela, le sarei molto grato se per futura memoria ci aggiornasse sulla vicenda, così facendo potremmo creare un precedente per fare un po di chiarezza in queste normative lacunose, saluti.

  2. Per cortesia desidero alcuni chiarimenti per la registrazione di un preliminare di vendita.
    Spiego quello che ho potuto capire :
    marche da bollo di Euro 16 ogni 100 righe,
    imposta fissa di Euro 200,00
    o,50% sulla caparra
    3% per acconti.
    Per il versamento in banca si usa il modello F23 o il modello F24 ? Se SI CON QUALI SIGLE ?
    Il modello di accompagnamento è il 69 o RLI ?
    Grazie per la Vs. risposta.
    SILIPRANDI VANDA 347/2266397

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


otto + dieci =