Redditometro più flessibile: colloquio tra Monti e Befera

Dopo che l’ex premier aveva preso in qualche modo le distanze dal redditometro, questo nuovo mezzo per stanare gli evasori, si è svolto ieri un’incontro tra Monti e Befera evidentemente per chiarirsi in merito alla situazione che vede non poche perplessità nella sua attuazione.

Di fatto tale strumento non è ancora operativo in quanto è necessaria, come riportato da Di Capua, una circolare dell’Agenzia che sembra non essere ancora ben definita, ed è proprio in questa sede che probabilmente verranno apportati i primi aggiustamenti, come quello che prevede il non naccertamento fiscale per scostamenti fino a 12 mila euro annui.

Si parla di applicazione delle statistiche Istat con poca disinvoltura, come detto dal presidente della Corte dei Conti, o addirittura, nel caso di un nuovo provvedimento legislativo che cambi la composizione del redditometro, dell’eliminazione delle stesse ai fini del calcolo dello scostamento tra spese sotenute e redditi dichiarati.

1 Commento

  1. I politici hanno paura del redditometro e prendono le distanze… vuol dire che vogliono nascondere i loro redditi.Politici?Tutti evasori fiscali. Basta con i giochini! SIETE PENOSI!. Per risollevare l’economia italiana basta poco.Mandare a casa i deputati che scaldano la poltrona. Si può! Solo camera del senato.Niente contributi ai partiti, l’imu la dovrebbe pagare chi ha un reddito annuale superiore a 50.000 €.Ci vuole impegno e determinazione.RIFORME! L’Italia diventerebbe il più bel PAESE del mondo. CARI POLITICI NON VI CONVIENE. Cordiali saluti

I commenti sono bloccati.