Mutui 2013: i tassi applicati dai maggiori istituti nostrani

Quando si tratta di mutui per la casa, quello che alla fine conta di più per i comuni mortali, è la rata mensile che dovranno pagare minimo per 20 anni e che come tale condiziona la vita dei debitori, infatti è questa circa la media di durata di un finanziamento del genere.

L’anno che ci siamo appena lasciati alle spalle non è stato certamente dei più rosei per quanto concerne questo settore, e non possiamo aspettarci grossi miglioramenti nel prossimo futuro almeno stando a quelle che sono le più probabili previsioni di mercato; di pochi secondi fa il flash di Coldiretti da una recente analisi, “il 2013 sarà peggiore per il 48% delle famiglie”.

Comunque anche in questo contesto recessivo sono sate nel 2013 e saranno, speriamo di più, nel 2013 le persone che ancora sono interessate a questo importante comparto economici del paese al quale è legato inevitabilemnte l’andamento del mercato immobiliare.

Vediamo quindi quali sono a gennaio le offerte dei maggiori istituti operanti sul nostro territorio, analizzeremo, Intesa san paolo, Bnl, e Cariparma, considerando un finanziamento medio di 130 mila euro da restituire in 20 anni.

I tassi variabili

Con questa tipologia di mutuo il primo premio va a Bnl con un Taeg del 3,21%, mentre sono a pai quota Bnl e Cariparma con il 3,45%; ricordiamo che con gli attuali livelli dell’euribor il mutuo indicizzato è oggi notevolmente più conveniente del fisso, ma non si potranno conoscere tutti gli importi delle rate future per ovvi motivi di oscillazione dei mercati.

I tassi fissi

Per chi predilige la sicurezza l’unica soluzione è il tasso fisso che però comporta una maggiore spesa e vediamo quanta è la differenza con il prodotto si detto; ancora Bnl il più competitivo con taeg del 5,81%, segue cariparma con il 5,825, terza ed un bel po distante Intesa san Paolo con il 6,58%.

Tutti i raffronti su detti sono stati effettuati in funzione del tasso annuale effettivo globale o Isc, in quanto è questo parametro che meglio rappresenta il vero costo del prestito, tutti i dati sono stati prelevati dal portale della Mutuisupermarket; utilizza questo preventivatore gratuito se vuoi avere maggiori informazioni e una consulenza personalizzata.

2 Commenti

  1. le banche erano ladre nel 2012 e nel 2013 lo sono ancor di più. si devono vergognare!!!!! italiani pagliaccioni fessi e popolo di falliti invece di fare una rivoluzioni stanno tutti zitti come polli da spennare!!!!! un applauso!!!!!!!

  2. Ciao noncelafacciopiù, capisco il tuo disappunto anche se dire così che le banche sono ladre non mi sembra corretto nel senso che poi quando si vuole fare impresa o comprere casa o l’auto o altro, anche se in questo momento è molto difficile l’accesso al credito, e proprio li che si va a bussare; evidentemente sono molte le cose che anche nel sistema bancario, e non solo, andrebbero cambiate/migliorate in Italia, ma se tutti raginaiamo a priori come te allora è veramente finita, un saluto a tutti, un professionista colpito dalla crisi.

I commenti sono bloccati.