C’era da aspettarselo, il mercato dei mutui casa negli utlimi mesi sta registrando un aumento sulle richieste e quindi sull’interesse dei potenziali mutuatari, ma i numeri emessi dalle più note agenzie di monitoraggio statistico possono lasciar equivocare i dati sopratutto per chi non è del mestiere; infatti anche se è vero che in termini assoluti le richieste sono aumentate, è anche vero che la maggior parte di queste sono relative a surroghe, e non a nuove stipule, dato questo evidentemente dovuto alla politica espansiva della Bce che ha visto i tassi d’interesse di riferimento scendere copiosamente a partire dal gennaio del 2014.
Tornando indietro sugli osservatori salta subito all’occhio che dal su detto mese tutti i principali indici sono letteralmente sprofondati con ovvie ripercussioni positive sia su chi il mutuo variabile già l’aveva in essere, ma anche su chi avendo un fisso meno vantaggioso ha subito pensato alla portabilità dell’ipoteca che, di fatto, è la principale responsabile della presunta ripresa di questo settore che invece in realtà vive ancora, insieme al mercato immobilare, una fase di quasi completo stallo, i prezzi degli immobili, a parte quelli di pregio, stanno vertiginosamente scendendo, e nonostante questo il numero di compravendite è praticamente rimasto invariato nel 2014 rispetto al 2013.

Mutui Online: le banche hanno più fiducia nel futuro?

I tassi di riferimento sono tutti quanti scesi, Euribor Bce e Irs, ma quello che più di tutti ha fatto registrare una sensibile contrazione passando dal 2,73% di gennaio 2014 all’1,09% di oggi, è il tasso per i mutui fissi (Eurirs), ecco forse questo è l’unico vero dato positivo che c’è anche confermato dalle offerte delle banche su questo tipo di prodotti che sono particolarmente aggressive se paragonate alle altre; infatti se gli istituti di credito sono propensi ad accordare prestiti ipotecari di media lunga durata a tassi fissi così bassi, e con spread nell’ordine del 2% circa, allora significa che hanno fiducia nel futuro, per lo meno questa dovrebbe essere la teoria.
Tornando però ai numeri è necessario segnalare, come su già accennato, che la maggior parte degli aumenti delle richieste è riconducibile alle surroghe, anche se molte testate del web e non, paventano questi dati come una vera e propria ripresa del settore; in realtà volendo guardare questa situazione da un punto di vista prettamente economico e lato cittadino, il fatto che siano tutti così operosi nel ricercare una soluzione più vantaggiosa la dice lunga sulla disponibilità economica delle famiglie che negli ultimi 25 anni è andata via via scemando insieme con il potere d’acquisto.
Quando poi tra qualche tempo tutto il credito già emesso sarà stato surrogato, allora, se la situazione non sarà radicalmente cambiata e qui sarebbe necessario aprire una discussione sull’occupazione in Italia, i veri dati sul settore mutui saranno forse più lampanti anche per chi non è un addetto ai lavori, per il momento le surroghe non cambiano di una virgola i sentimenti di sfiducia che le banche nutrono nei confronti del potenzile nuovo mutuatario.

Migliori offerte di surroga mutuo con Mutuisupermarket

Per chi comunque ha stipulato un mutuo a tasso fisso nel periodo che va dal 2012 al gennaio del 2014, oggi, attraverso la surroga, il risparmio è assicurato, ecco un esempio lampante di come il mercato è cambiato dal novembre 2012 ad oggi non solo relativamente agli indici applicati ma anche, e diremo sopratutto, agli spread caricati dalle banche. Prenderemo in esame WeBank istituto che opera online, considerando una richiesta di euro 140 mila da restituire in 25 anni al tasso fisso:

 

  • novembre 2012: rata 862 circa con spread del 3,10% e Taeg del 5,71%;
  • febbraio 2015: rata 703 circa con spread del 2,30% e Taeg del 3,62%.

Per quanto invece cocerne la surroga, cosiderando sempre lo stesso istituto i costi sono oggi i seguenti, rata 703 circa con spread del 2,30% e Taeg del 3,59, praticamente uguale alla normale nuova stipula con la differenza che ci sono meno spese e per questo il tasso annuale effettivo globale è leggermente ridotto. In ogni caso dai su detti dati si può facilmnete evincere il motivo per cui oggi si registra un aumento di questo tipo di prodotti. Stai rimborsando un mutuo a tasso fisso e vuoi risparmiare? Trova la tua surroga con questo strumento online, e richiedi un parere di fattibilità della tua pratica; servizio di comparazione offerto gratis da Mutuisupermarket.

bilancia_300p250_MOL