Secondo quanto riporta l’Istituto nazionale di statistica il mercato dei mutui per la casa ha fatto registratre un’impennata del 13,9% relativa al terzo trimestre del 2014; si tratta di un dato certamente positivo in un panorama generale italiano che vede ancora la crisi economica tutt’altro che passata.
Guardando i dati da un punto di vista annuale, e cioè nei primi nove mesi del 2014, il segno è ancora positivo, +7,8% per un totale di atti di mutui ipotecari pari a circa 201 mila. La maggior parte di queste stipule sono relative al nord Italia, mentre nel sud la situazione è ancora caratterizzata da volumi piuttosto ridotti ma in percentuale è proprio il mezzogiorno che fa segnare il maggiore rialzo, +22,6 a sud e +21,8 per Sicilia e Sardegna.

Il settore dei mutui immobiliari da sempre un incentivo all’economia italiana

Insomma finalmente dei dati economici che sembrano positivi considerando che il mercato dei mutui, e quindi quello immobiliare, hanno da sempre rappresentato in Italia un volano economico, basti pensare all’indotto in termini di mediazioni, edilizia di costruzione e di ristrutturazione; segnaliamo che riguardo a quest’ultimo aspetto sono certamente le ristrutturazione che rappresentano la quasi totalità degli interventi edilizi visto che a livello di nuove costruzioni ci sono ancora moltissime unità invendute.
Questa situazione è stata commentata con poco entusiasmo da Confedilizia, visto che in totale le compravendite nel 2014 sono aumentatre di circa 4 mila unità, un dato che lascia spazio a dubbi su una reale e maggiormente consolidata ripresa del settore che per il momento non sembra ancora scontata. Leggi il testo integrale della statistica Istat.

Ecco la migliore scelta di mutuo che puoi fare oggi dopo il Quantitative Easing, meglio il fisso o il variabile?

Il dilemma che da sempre attanaglia il cittadino che acquista casa con il mutuo è la scelta del tipo di tasso, fisso o variabile. Oggi dopo l’annuncio del QE è ragionevole pensare che i tassi e i relativi indici di riferimento (vedi euribor e altri) resteranno molto bassi o addirittura scenderanno ancora, perciò il variabile sembra la scelta migliore visto che ad oggi considerando lo stesso importo e lo stesso  numero di rate il risparmio infine dovrebbe attestarsi a circa il 35%, che non è affatto poco.
Esiste però sempre l’altra faccia della medaglia, e cioè il fatto che se pur molto bassi i tassi variabili possono in qualunque momento aumentare anche in relazione ai contesti europei che vedono aria di cambiamento, si pensi solo alla Grecia e a quello che potrebbe succedere dopo il successo di Tsipras alle elezioni. Così per chi non ama correre neppure il più piccolo rischio resta la scelta del classico tasso fisso, sempre uguale per utta la durata e comunque molto basso rispetto al recente passato, Facciamo dunque due esempi lampanti di migliori offerte così da produrre dati reali che possono essere meglio valutati. Consideriamo a tal fine un importo di 150 mila euro da restituire in 20 anni; secondo i dati del broker Mutuisupermarket ad oggi le migliori offerte sono le seguenti:

 

  • tasso variabile rata circa 760 euro, taeg 2,10% spread 2%;
  • tasso fisso rata circa 850 euro, taeg 3,39% spread 1,90%;

 

Dai su citati dati ciò che subito salta all’occhio è che nonostante i relativi indici di riferimento euribor e irs siano molto bassi (sopratutto l’euribor che è vicino allo zero), i costi applicati dalle banche restano comunque piuttosto elevati se pur molto minori rispetto al recente passato di massima crisi che aveva visto commissioni anche del 4%. Una considerazione finale va fatta, se il tasso fisso è così basso significa che gli operatori se la sentono di prendere un rischio anche a lungo termine, ciò può far ragionevolmente credere che i tassi resteranno ridotti per un lasso di tempo prolungato, resta comunque il fatto che le previsioni vanno prese come tali e non possono considerasi mai come una realtà sicura al 100%. Verifica con i tuoi occhi le migliori offerte attualmente disponibili sul mercato attraverso questo preventivatore gratuito e richiedi un parere di fattibilità della tua pratica.

bilancia_300p250_MOL