Mentre il mercato immobiliare si appresta ad affrontare il 2014 con maggiore slancio rispetto al 2013, mentre gli istituti finanziari predispongono prodotti che agevolano l’accesso al credito degli italiani, ecco una importante novità che riguarda il tema delle locazioni.
La Commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento alla “Legge di stabilità”: diventa obbligatorio corrispondere l’affitto in modalità che escludano il contante e garantiscano la tracciabilità del pagamento.
Non ci sono importi minimi dai quali è richiesta questa forma: ogni affitto, qualsiasi cifra esso sia, dovrà essere saldato in banca tramite carta di credito, bancomat, bonifico. L’emendamento riguarda sia le case residenziali che quelle destinate alle vacanze ed esclude solo gli alloggi di edilizia residenziale pubblica (case popolari).
La tracciabilità sarà condizione necessaria per accedere alle agevolazioni e alle detrazioni fiscali per il locatore e il conduttore. Nell’ambito della lotta all’evasione fiscale, i Comuni saranno preposti al monitoraggio dei contratti e delle situazioni di affitto per sanare le eventuali irregolarità, accedendo anche al registro dell’anagrafe civile e condominiale.
Il Presidente di Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, ha commentato la normativa definendola “fuori dal mondo”: questo nuovo sistema complicherebbe la vita dei cittadini onesti senza scoraggiare quelli che già pagano l’affitto in nero. Molti immigrati, studenti, giovani precari o anziani soli si vedranno costretti ad aprire un conto corrente per corrispondere il canone di locazione, affrontando più burocrazia e soprattutto ulteriori spese.
La ripresa del mercato immobiliare inoltre, potrebbe essere ulteriormente rallentata da questo emendamento. Infine, circa il ruolo dei Comuni per la lotta all’evasione, si tratta di una misura funzionale soli per gli evasori totali, ma molto difficilmente garantirà un’azione efficace verso chi dichiara solo una parte dei canoni percepiti.

bilancia_300p250_MOL