Come ogni primo giovedì del mese oggi nel primo pomeriggio si svolgerà la consueta riunione ai vertici della Bce dalla quale i mercati si aspettano un’ulteriore taglio al costo del denaro già a livelli bassi (0,75%) e che nel caso di ulteriori riduzioni giungerà allo 0,50%.
A servire su un piatto d’argento la possibilità di taglio conccorrono anche i recenti rallentamenti della ripresa economica sia negli Usa che in Cina e ovviamente la situazione del vecchio continete dove di ripresa per il momento se ne parla e basta.
La nostra borsa apre oggi in flessione dello 0,4%, mentre il differenziale spread rimane su quota 270 punti base, ma le attenzioni dei mercati sono tutte attirate dalla Bce che, secondo un sondaggio svolto su 70 economisti, dovrebbe apportare il nuovo taglio, così da raggiungere un’ulteriore record a ribasso, cioè 0,5%.