E siamo già al secondo anno di pagamento della nuova tassa sulla casa, la famigerata Imu, che tanto ha fatto discutere sia i cittadini che i politici alle prese con la campagna elettorale da poco conclusa e che probabilmente ben presto riprenderà.
Il 17 giungo prossimo è la data utile per il primo versamento Imu 2013, l’acconto, del quale però ancora non si può conoscere l’esatto importo visto che le aliquote da applicare possono essere variate dai comuni entro il 16 di maggio, come previsto dal decreto per la restituzione dei debiti delle Pa.
Ma non solo, anche l’avvento del nuovo governo potrebbe rimettere mani all’imposta e creare confusione insieme alla possibilità che i comuni hanno di rivedere le aliquote; già i cittadini, in periodo di dichiarazione dei redditi, stanno facendo molteplici domande ai Caf che attualemnte non sanno cosa rispondere.
In merito a questa situazione il presidente della consulta del Caf Valeriano Canepari ha parlato di grande incertezza e dell’auspicio di far pagare la prima rata Imu del 2013 secondo le aliquote viigenti nel 2012.

bilancia_300p250_MOL