In rispsota alle dichiarazioni di ieri fatte dal commissario Ue Olli Rehn che aveva parlato di un nuovo pericolo di contagio economico finanziario derivante dall’Italia ai danni dell’eurozona, il premier Mario Monti risponde oggi: “L’Italia non contagia nessuno”.
Così il premier oggi da Londra, dove si è svolto il G8, ha risposto al commissario europeo Rehn, dicendo che tra l’altro la riunione di oggi non ha avuto come punti focali eventuali problemi dell’Italia in termini di debito, ha poi continuato dicendo che il prossimo anno chi si troverà al G8 in Irlanda del nord non dovrà fare i conti con domande relative ad eventuali problemi di bilancio:”Sono sicuro che l’Italia proseguirà sulla strada della disciplina del bilancio e delle riforme strutturali”.
Si è parlato, ha detto Monti, anche della coerenza con cui l’Italia ha affrontato il caso dei marò, facendoli rientrare entro i termini previsti dal permesso concesso loro nell’ambito delle elezioni; conclude poi con l’auspicio che al prossimo G8 il 17 e 18 giungo, l’Italia possa essere rappresentata da un premier nella pienezza dei suoi poteri.