Come nella totalità del paese il settore edilizo anche a Trento ha risentito maggiormente della crisi in atto, e possiamo avere una chiara fotografia della situazione, se pur su scala nazionale, gurdando a quei dati che negli utlimi cinque anni indicano una perdita di oltre 500 mila posti di lavoro in questo comparto da sempre considerato fondamentale per l’economia del paese.
Nell’ambito di questa situazione nella provincia di Trento è all’esame un disegno di legge che, tra le altre cose, prevede anche interventi mirati per ridare slancio al settore di nostro interesse; tra le più rilevanti misure introdotte vi è un fondo di rotazione dedicato ai privati per le nuove costruzioni o per interventi su quelle esistenti (si parla solo di prime case), ed inoltre vengono previste agevolazioni Irap per le aziende ma solo a patto che mantenganno l’occupazione in Trentino.
Sono finanziabili nell’ambito di questa legge gli interventi che mirano alla riqualificazione energetica, all’abbattimento delle barriere architettoniche e alla riqualificazione strutturale; ne potranno beneficiare le singole unità abitative fino ad un massimo del 50% della spesa ammessa e comunque non oltre i 100 mila euro, e i condomini nella stessa misura ma fino ad un massimo di 300 mila euro.
Per maggiori informazioni leggi il testo del disegno di legge.