La situazione economia ancora molto difficile del paese ed in particolar modo delle imprese che sono soffocate dall’eccessiva pressione fiscale ed anche dalle pubbliche amministrazioni che tardano a pagare i loro debiti, hanno portato pochi giorni fa il Comitato dell’ABI a prorogare di nuovo la possibilità di sospendere il pagamento delle rate di mutui e leasing.
Attualmente quindi sarà possibile presentare domanda di sospensione fino al 30 giugno 2013; fino ad oggi tale iniziativa ha permesso di sospendere più di 68 mila finanziamenti a fronte di un totale di debiti residui di 22 miliardi circa ed a una maggiore liquidità disponibile nelle tasche degli imprtenditori di 3,3 miliardi.
Intanto però se sul fronte delle pmi si è voluto dare un’ulteriore segnale, per quanto riguarda le famiglie e quindi i relativi mutui, non sono ancora state intraprese iniziative efficienti visto che il prossimo 31 marzo scadrà il termine ultimo per presentare domanda nell’ambito del “Piano famiglie dell’Abi”, meglio conosciuto come moratoria mutui.
Ci sarebbe un altro meccanismo per agevolare chi è in difficoltà con il pagamento delle rate, si tratta del Fondo di solidarietà gestito da Consap ma che attualmente è ancora fermo e non attivo nell’attesa che venga emanato il nuovo Regolamento che si è reso necessario dopo che la riforma Fornero aveva cambiato i requisiti per l’accesso.
Ad oggi sul sito Consap c’ ancora scritto che “Fino all’emanazione del nuovo Regolamento non sarà pertanto possibile ricevere nuove istanze di sospensione”.

bilancia_300p250_MOL