Sembra che le elezioni in Italia ed il relativo governo che ne uscirà facciano paura un pò a tutta Europa, infatti le tensioni sullo spread, oggi tornato a toccare 350 punti, e piazza affari in rosso sembrano confermare questi timori.
Oggi alla riunione dei ministri delle finanze della zona euro, a parte il salvataggio di Cipro, l’argomento principale è proprio il pareggio elettorale italiano che molti interpretano come un referendum alle politiche di austerity imposte da Bruxelles.
C’è chi parla di scegliere tra politica di austerità e crescita, chi dice che la situazione non si risolve accumulando altro debito e chi invece vede la soluzione nella ricerca di un nuovo equilibrio tra sistemazione dei conti pubblici e sostegno alla crescita.
Intanto le borse non potevano che metabolizzare a ribasso queste attese sul contesto politico, Piazza Affari dopo una settimana chiusa in ribasso di tre punti e mezzo, cede fino al 2% per poi assetarsi in terreno leggermente negativo; lo spread il nostro differenziale di rendimento tra Btp a 10 anni
e Bund equivalenti è ora a quota 340 dopo aver toccato picchi di 350 punti in questa giornata.