Da stamattina i mercati guardavano alla prevista asta Btp per testare le tensioni sul debito italiano dopo il declassamento di Fitch, ma fortunatamente non ci sono state sorprese il pacchetto è stato collocato praticamente per intero se pur con rendimenti in lieve salita; erano previsti da 5 a 7,2 miliardi e ne sono stati collocati 7.
Di questi circa 3,3 miliardi hanno riguardato i Btp a tre anni (scadenza 2015) che hanno registrato rendimenti in rialzo passando dal 2,3% della precedente asta al 2,48% di oggi; collocati anche 2 miliardi di Btp con scadenza 2018 e 1,6 di Ccteu.
Ora lo spread viaggia sui 325 punti circa dopo l’apertura a 313, quindi si registra una reazione contenuta dei mercati, mentre il differenziale spagnolo si avvicina sempre più al nostro ci sono attualmente ci dividono solo 6 punti base.