Il problema di oggi per il settore del credito ipotecario non è tanto il livello di tasso d’interesse, quanto le reali possibilità d’accesso che vengono molto limitate da una serie di fattori che caratterizzano la stretta creditizia tra cui i più importanti riguardano le garanzie richieste dalla banca e la percentuale massima concessa in funzione del prezzo dell’immobile.
Nel caso comunque in cui si disponga delle adeguate garanzie e di una discreta parte in contanti ci sono buoni prodotti che, tutto sommato, non sono poi così onerosi a livello di tasso finito; per esempio ancora fino alla fine di marzo Intesa San Paolo offre condizioni promozionali sul finanziamento variabile in base euribor 1 mese.
Nello specifico tali condizioni in deroga a quelle presenti in filiale riguardano l’accesso alle opzioni aggiuntive di flessibilità del prestito quali: la possibilità di sospendere la rata e quella di allungare la durata del piano d’ammortamento.
Oggi con l’attuale livello dell’euribor ad un mese, 0,12%, e lo spread applicato del 3,30% per durate di 25 anni, ipotizzando un’importo di 140 mila euro la rata iniziale sarebbe la seguente, (Proiezione Mutuisupermarket):

  • Importo 140.000
  • Durata anni 25
  • Ltv fino all’80%
  • Frequenza rate Mensile
  • Euribor 1 mese 0,12%
  • Spread 3,30%
  • Rata 694,73
  • Taeg 3,73%

Per saperne di più attraverso la lettura dei fogli informativi, oppure per richiedere direttamente un parere di fattibilità, utilizza pure questo strumento di preventivazione mutui; servizio gratuito e non impegnativo.

bilancia_300p250_MOL