Oggi la cancelliera Merkel parlando di fronte ad una platea d’imprenditori ha detto che risolvere la crisi di Cipro sarà un’operazione difficile e ci sono rischi per la stabilità dell’eurozona. Il settore bancario cipriota, che è caratterizzato da asset che sono 7 volte il prodotto nazionale, non è sostenibile e pone risdchi anche al di fuori dei confini dell’isola.
Continua la cancelliera dicendo che negli ultimi anni sono stati fatti passi avanti per stabilizzare la moneta unica ma, le vicende degli ultimi giorni, danno la conferma che si è ancoora lontani dall’obbiettivo.
Intanto il governo cipriota sta lavorando a delle soluzioni alternative che andranno al più presto presentate alla Troika (Ue-Bce-Fmi), ed anche la Bnaca Centrale di Cipro prende precauzioni pensando a misure d’urgenza nel caso in cui non si trovi l’accordo; le banche a Cipro resteranno chiuse anche domani.
Per il ministro Wolfgang Schaueble Cipro è insolvente e la colpa è soltanto sua.