Oggi giornata positiva su borse europee tutte le principali piazze sono in positivo, Londra +1,34%, Parigi +2,07%, Francoforte +2,36%, Madrid +2,14% e Milano con il Ftse Italia +2,61% ed il Ftse Mib +2,78%; sembra quindi che i timori sulle tensioni politico economiche nell’area euro non si siano ripercosse negativamente sui listini, ma c’è un perchè.
Infatti il Dow Jones ha raggiunto il massimo dall’ottobre 2007 dopo che la banca centrale americana, ma in liena di massima tutte le banche centrali lo fanno, ha deciso di iniettare ulteriore liquidità per sostenere i mercati e l’economia nell’ambito dei tagli automatici di 85 miliardi previsti negli Usa e che già danno previsioni relative negative sul futuro in termini di economia reale; anche lo spread il nostro differenziale si è ridimensionato arrivando a 327 punti con rendimenti al 4,72%.
Tornando alla giornata positiva di oggi è ormai dall’inizio della crisi, come ricordava Morya Longo del Sole 24ore su Rai News24, che sembra quasi ogni qualvolta ci sono notizie negative in merito all’economia reale, che poi è quella che conta (ndr), i mercati si comportino in controtendenza in quanto sanno che nell’ambito di queste notizie le banche centrali interverranno pompando liquidità nel sistema.
Il dato più preoccupante secondo Morya risiede in questo scollamento totale tra la finanza e l’economia reale che vede ancora oggi moltissimi problemi da risolvere nell’area euro ma non solo, ma nonostante questo i mercati salgono.
Il vero problema si presenterà quando gli istituti centrali smetteranno di iniettare liquidità e a quel punto probabilmente tutti i passati guadagni saranno vanificati.