Oggi giornata negativa per Piazza Affari che come si poteva facilmente prevedere chiude in terriotrio negativo sull’onda della vicenda di Cipro che in questi minuti sta discutendo in parlamento il provvedimento del prelievo forzoso.
Il Ftse Mib ha chiuso a -1,59%, il Ftse Italia All-Share a -1,52%, male il comparto bancario dopo la risalita dello spread che ha oggi chiuso a quota 336 punti base massimo raggiunto da inizio marzo.
In forte calo Mediobanca (-5%), BP Milano (-5%), BP Emilia Romagna (-5%), UBI Banca (-4,1%), Unicredit (-4,1%), perde anche il comparto delle automobili dopo i dati nagativi di oggi sulle immatricolazioni che in Europa hanno fatto registarre nel mese di febbraio rispetto allo stesso periodo del 2012 una diminuzione del 10,2% (leggi tutto), Fiat perde 1,3%.
Attesa dei mercati per l’apertura di domani dopo la decisione che verrà presa a Cipro sul piano aiuti.