Come già in passato detto dal leader del Pd Bersani esiste l’intenzione di rendere più progressiva l’Imu per la prima casa eliminandola per tutti quegli importi compresi tra 400 500 euro (guarda il video) ed anche per i capannoni ed i negozi delle piccole e medie imprese che molto stanno soffrendo la crisi e c’è addirittura tra gli imprenditori chi si sta imdebitando per pagare la famigerata imposta (guarda il video).
Ma ci sono anche altri argomenti nelle proposte del Pd a partire dai crediti d’imposta sulle opere immediatamente cantierabili e sui pagamenti arretrati alle imprese da parte delle pubbliche amministrazioni (leggi tutto).
Si tratta quindi nello specifico di allentare il patto di stabilità, discutendone ovviamente in sede europea, per avviare in tempi brevi tutti quei cantieri che possono ridare slancio anche all’edilizia comparto che negli ultimi cinque anni ha perso 550 mila posti di lavoro.
Per quanto inveve riguarda i pagamenti erretrati alle imprese da parte delle Pa (che ammontano a più di 70 miliardi di euro) viene proposta l’emissione di buoni del Tesoro (non è la prima volta che si parla di questa iniziativa anche fuori dal Pd) per un totale di 10 miliardi all’anno.
Ora però per mettere in atto questi punti è necessario formare il governo, ci riusciranno?