Anche il numero uno del lingotto Sergio Marchionne si preoccupa per un’eventuale uscita dall’euro dell’Italia dicendo che tutti gli investimenti annunciati sono confermati sempre se non si decida di tornare alla lira, come alcuni sostengono, per la verità non molti, sarebbe meglio fare.
E’ necessario ridare credibilità al paese attraverso la governabilità, ma nello stesso tempo dare anche soddisfazione a quella voglia di cambiamento che molti vedono nel recente voto degli italiani.
Attualemente le previsioni sul settore delle auto per il 2013 non lasciano sperare nulla di buono, sarà come il 2012 dice Marchionne, e poi rispondendo ai sindacati sul discorso rinnovo contratto dice:”Si farà, le difficoltà non sono insormontabili”.
Questo il sunto delle parole dell’Ad Fiat durante il Salone di Ginevra; sull’onda di dette dichiarazioni in mattinata il relativo titolo registra la migliore performance con +3,83% premiato anche dalla decisione di non fare nessun aumento di capitale.