Le energie rinnovabili sono e diverranno sempre più importanti nella vita du tutti noi visti gli obbiettivi che a livello europeo ci siamo dati in termini di emissioni, ed in questo contesto anche le tecnologie eoliche, che sfruttano la forza del vento, vogliono la loro parte.
Di pochi giorni fa è il rapporto annuale “World Market Update 2012”, giunto alla sua diciottesima edizione, sullo sviluppo a livello globale dell’eolico, si tratta di un report che illustra sia come fino alla fine del 2012 sia circa di 285 GW la potenza installata, sia che di questa potenza ben 45 GW sono riconducibili solo all’anno 2012; il paese che ha visto il maggiore incremento è stato gli USA dove nel 2012 si registra un’aumento di circa il 12% rispetto al 2011; il National Research ha stimato che negli ultimi cinque anni la crescita media di questo settore è stata del 17,8%.
Si sta inoltre sempre più diversificando la produzione delle tecnologie che sfruttano la potenza del vento, siamo in presenza di macchine che riescono a produrre anche in zone con basse velocità del vento, in climi freddi ed in zone di alta quota.
Il primo produttore di meccanismi per l’eolico è l’americana GE Wind con il 15% del totale nel 2012, mentre in seconda posizione troviamo l’azienda danese Vestas a quota 14%.
Si prevede una diminuzione nei prossimi cinque anni delle dimensioni di questo mercato, infatti l’aumento di potenza installata entro il 2017 sarà del 10% in meno rispetto alle previsioni del 2011.

Leggi il rapporto in inglese.