Oggi al termine del consiglio dei Ministri si evince che nell’ambito del pagamento dei debiti delle Pa nei confronti delle Pmi verranno sbloccati 40 miliardi di euro in due tranches, la prima nella seconda metà del 2013 (20 miliardi) e la seconda nel 2014, si vuole così immettere liquidità nel sistema economico che tanto in questo periodo di crisi ne ha bisogno.
I debiti da pagare rigurderanno enti territoriali, sanità e amministrazione centrale; il ministro Grilli ha spiegato che oggi che sono stati modificati gli obbiettivi di finanza pubblica per trovare lo spazio necessario alla fase due, si tratterà di un decreto legge che determinerà le forme e le modalità per attuare questa accelerazione dei pagamenti, sempre che il parlamento approvi queste iniziative; è chiaro dunque che se non sarà questo parlamento a discutere il provvedimento ci penserà quello nuovo, sempre se ce ne sarà uno.