Il presidente di Confindustria Giorgio squinzi ha oggi presentato a Milano un’accordo tra la medesima Confederazione ed il noto istituto di credito Intesa San Paolo per incentivare il dialogo del credito tra piccole e medie imprese, che come sappiamo soffrono molto la crisi, e il sistema bancario.
L’accordo prevede un fondo di 10 miliardi di euro, di cui 200 milioni da destinarsi a progetti innovativi di nuove imprese; in rapprersentanza della Confindustria Piccole Imprese era presente Vincenzo Boccia, mentre per intesa è intervenuto il consigliere delegato enrico Cucchiani.
Tra le altre cose questo accordo prevede: un programma d’incontri sul territorio per l’incentivazione dello sviluppo e dell’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese, una linea di credito alternativa a quella ordinaria per garantire liquidità alle aziende, un prodotto di copertura per l’export che garantisce l’insolvenza dei debitori fin al 100%, ed un programma di start up che costituirà supporto per la nuova imprenditoria.
Queste le parole di Squinzi in merito all’qccordo:”Le banche hanno un ruolo decisivo la ripresa dell’economia ruota intorno al credito e alla sua disponibilità. Questo accordo è un importante punto di riferimento, una via importante per invertire la tendenza che ha portato l’Italia in cinque anni a perdere l’8% del Pil. Certo, il credito da solo non basta, servono anche investimenti per rilanciare la produttività”.