Purtroppo un’altra triste notizia sul fronte economia ed occupazione, l’anno prossimo la fabbrica di pneumatici Bridgestone insediata a Bari (Modugno) chiuderà, lo comunicano i vertici dell’azienda giapponese che motivano la decisione ponendo come causa la grave crisi in Europa.
Nello stabilimento lavorano 950 persone alle quali andrà in seguito aggiunto certamente altro personale perso e derivante dall’indotto.
Nello stesso tempo la Bridgestone apre un’impianto in India e prende accordi per un altro in Cina, paesi che sono in grande crescita economica e che la recessione non sanno nemmeno cosa significa, per il momento (ndr).
E’ chiaro che notizie come questa in un quadro generale che vede i nostri consumi in netta discesa, la disoccupazione a livelli che sono stati definiti agghiaccianti ed il prodotto interno lordo contratto più delle apsettative, non fanno che aumentare il sentiment d’incertezza e sfiducia che oggi si respira nell’aria e che, anche sotto il profilo politico, ci mette sotto i riflettori dell’Europa tutta.