Chiusura di 2012 positiva per il settore immobiliare negli Sati Uniti, come recentememnte confermato da un rapporto effettuato dalla nota socità RE/MAX, che mette in luce come l’anno da poco concluso abbia segnato una generale ripresa del settore sia sotto il profilo del numero di operazioni svolte, sia per quanto riguarda l’incremento delle qotazioni dei prezzi.

Ad aver contribuito a questa ripresa sembra abbiano concorso diversi fattori e tra i più importanti troviamo i bassi livelli di tasso d’interesse, le quotazioni abbordabili che si sono registrate durante l’anno, e la diminuzione dell’offerta in termini di numero d’immobili in vendita.

Questo sembra aver generato una ripresa consolidatasi maggiormente nel mese di dicembre 2012 che ha visto un’aumento del numero di compravendite del 3,8% a fronte anche di un’incremento dei prezzi di quasi l’8%; molto invenduto dell’anno precedente è stato smaltito, si parla di una riduzione di circa il 30% rispetto al mese di dicembre del 2011.

Il report è stato effettuato sulla base dei dati raccolti da 52 diverse aree alcune delle quali hanno registrato anche aumenti copiosi che vanno da un minimo del 18% fino ad un massimo del 31%, secondo i dati del National Housing Report del mese di dicembre.

Insomma sembra andare nella giusta direzione il mercato immobiliare degli States mentre noi arranchiamo e registriamo un calo delle compravendite di questa entità.

Leggi il rapporto RE/MAX completo

bilancia_300p250_MOL