Nuove ordinanze, numero 12 13 e 14, che vanno a modificare le precedenti del 2012 in materia di contributi per la ricostruzione di case ed imprese devastate dal terremoto in Emilia Romagna; saranno quindi aumentate le percentuali d’intervento fino al 100% e ne potranno fruire anche coloro che hanno già aderito alla precedente normativa che prevedeva l’80%.

Verranno inoltre semplificati gli iter burocratici per la gestione delle richieste che potranno essere presentate entro il 30 giungo del 2013 per quelle abitazioni che abbiano avuto un esito dell’agibilità classificato con B o C, mentre per esiti di classe E leggere e pesanti il termine ultimo per le domande viene fissato al 31 dicembre corrente anno.

Previsto con le nuove norme l’automatismo che permette l’integrazione del 20% per chi abbia già fruito del precedente 80% portando quindi la percentuale d’intervento a copertura completa.

Questo per le abitazioni, mentre per le imprese le principali novità sono due, la prima prevede la possibilità per la stessa azienda di presentare tante domande quanti sono i siti produttivi in oggetto, e verranno differenziate le stesse anche in funzione della finalità per cui si richiede il contributo, se per la ricostruzione delle strutture o per i relativi macchinari.

La seconda novità per le imprese riguarda invece le percentuali di stato avanzamento lavori che vengono fissate nell’ordine del 20% la prima entro il milione di euro, e del 10% se si supera il milione.

Queste le novità introdotte sull’argomento dopo le nuove ordinanze firmate dal Presidente Vasco Errani; per maggiori informazioni e per scaricare il modulo Mude (modello unico digitale per l’edilizia) per presentare domande vai sul sito dedicato direttamente da qui.