Da una recente rilevazione dell’Osmi relativa alla città di Milano e pertinente ai primi nove mesi del 2012, si evince come la crisi economica abbia fortemennte minato il settore immobiliare del capoluogo lombardo, portando ad una diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2011 di ben il 21,7%.

Di conseguenza si contrae drammaticamente anche il settore creditizio dei mutui che vede nel primo semestre 2012 una calo del 48,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, dato questo più elevato rispetto alla media nazionale che vede “solo” una riduzione del 47,9%.

Chiara la fotografia di una situazione che vede le famiglie sempre più in difficoltà, non c’è denaro disponibile per comprare una casa, e chi invece dispone delle adeguate somme nella maggior parte dei casi preferisce attendere momenti migliori, magari di ulteriore calo dei prezzi che già comunque regsitarno contrazioni che ora vedremo.

Scendono di più le quotazioni dell’usato da ristrtturare con una flessione dell’8,1% in città e del 10% in periferia, mentre tengono meglio gli immobili ristrutturati o di pregio che registrano contrazioni del 7,2% nell’area metropolitana e dell’8,6% in periferia.

Nota positiva invece sul fronte delle locazioni che vede i canoni medi in calo del 7,6% se bilocali, e del 7,4% per i trilocali.

bilancia_300p250_MOL