Era abbastanza scontato che in un periodo di recessione forte come quello che stiamo vivendo anche il settore industriale avrebbe subito ripercussioni per la crisi, e oggi c’è lo conferma l’Istat che ha reso noti i dati sul fatturato 2012 per l’industria. Non c’è spazio per alcun dubbio, i dati confermano che su base annua, e quindi dal dicembre 2012 allo stesso periodo 2011, il fatturato è sceso del 6,3% tendenziale, mentre si registra un’aumento dello 0,8% da novembre a dicembre 2012. Andando a guardare i specifici settori di produzione industriale, il più colpito è quello pertinente alla fabbricazione di macchinari ed apparecchiature (-23,8%) sopratutto negli ambiti dei prodotti farmaceutici e per la metallurgia; male anche il tessile (-6,7%) e l’industria del legno (8,1%). Per quanto riguarda invece i dati relativi all’ultimo mese di dicembre 2012, che come su detto ha segnato un’incremento dello 0,8%, i settori che hanno trainato tale aumento sono stati quello dell’elettronica e dell’informatica, quindi produzione di computer, apparecchi elettromedicali e ottici, mentre anche in questo frangente vanno male il manifatturiero ed il settore dell’auto. Leggi il report integrale sull’industria.