La campagna elettorale è ormai diventata una gara a chi promette di ridurre di più le tasse, Imu Irpef Irap e così via, ma intanto la realtà è che l’imposizione, per lo meno sugli immobili, aumenterà e sta già aumentando in alcune città, a causa di revisioni degli estimi catastali.

Ieri sera a Ballarò è andato in onda un servizio di Marzia Maglio dal quale si evince che nel comune di Lecce la totalità dei proprietari immobiliari ha ricevuto una lettera dall’Agenzia del territorio per comunicare appunto l’avvenuto aumento del valore catastale, che ovviamente si ripercuote sulla fiscalità della casa, ed in primo luogo sull’Imu già pagata per la quale i cittadini dovranno versare una differenza a rialzo.

Nel 210 il comune chiese al Territorio di aggiornare le rendite catastali, che in media nel nostro paese corrispondono ad un terzo del valore commerciale del bene, ed ora iniziano ad arrivare questi avvisi alla popolazione per comunicare l’avvenuto aumento che, nell’ambito dell’Imu, si va ad unire alla rivalutazione prevista da Monti nel Decreto salva Italia; da qui la necessità di versare all’erario la differenza sull’imposta di cui sopra.

Inizia quindi la corsa all’aggiornamento del nostro vecchio catasto, e anche quella dei cittadini per fare ricorso, mentre la situazione vedrà anche tutte le altre imposte collegate alla casa, Tares, Irpef eccetera aumentare di conseguenza all’incremnto delle classi catastali, che portano l’elevazione della rendita.

Visualizza il video