Da ieri è in vigore lo sportello unico al quale il privato cittadino potrà rivolgersi nell’ambito dell’ottenimento di un titolo abilitativo quali permesso di Costruire o Dia; evitati così tutti i passaggi burocratici precedentemente necessari per ottenere il medesimo risultato.

Così si attuano questi nuovi snellimenti burocratici come previsto dalla legge Sviluppo 134/2012 che da luogo appunto allo Sportello Unico e che prevede anche che i comuni si adeguino al nuovo iter da svolgere entro sei mesi dalla pubblicazione in Gazzetta.

In pratica qualsiasi documento pertinente al rilascio del titolo abilitativo dovrà essere trasmesso o consegnato allo Sportello o direttamente dall’interessato o da altri enti nell’eventualità in cui gli stessi ne abbiano ricevuto consegna da parte del privato.

Per quanto concerne il Permesso di costruire alcune delle principali novità introdotte riguardano i documenti da allegare alla domanda e la possibilità di effettuare l’intervento richiesto anche in mancanza di accordo una volta indetta la Conferenza Servizi e concluso il procedimento.

Infine sulla Dia cresce il numero di autocertificazioni possibili delle quali non si potrà fare uso nel caso in cui sussistano vincoli paesaggistico ambientali o culturali.

Leggi il testo della legge.