La crisi colpisce tutti indistantamente ma secondo l’Istat ed in base alla sua ultima rilevazione sui redditi disponibili per abitante, alcune regioni soffrono più di altre, ed in particolare la media vede il sud Italia più povero del 25% rispetto al resto del paese, rilevazione per l’anno 2011.

Se infatti il nord registra un reddito procapite di 20800 euro al sud tale quota si riduce a 13400, mentre nel centro siamo a 19300; sulla media nazionale il reddito delle famiglie è salito dal 2008 al 2011 dello 0,4%, mentre andando a gurdare le singole situazioni, la regione maggiormente colpita dalla crisi e che ha registrato il calo maggiore è la Liguria, con -2,9%; è invece Bolzano la città più ricca con oltre 22800 euro procapite.

Molto diversa lo situazione nel mezzogiorno dove, la regione con il più basso reddito è la Campania con soli 12500 euro; differenze anche per quanto riguarda l’incidenza sul reddito derivante dalle tasse pagate, diminuita dello 0,6% su base nazionale con i valori più ridotti in Basilicata e Calabria 11,7% e 11,3%.