L’inizio di questo nuovo anno porta con se tante preoccupazioni per l’evoluzione della crisi ed anche molteplici rincari sulla vita dovuti all’introduzione di diverse nuove imposte tra le quali figura anche la Tobin Tax sulle transazioni finanziarie.

Pensata dal premio Nobel James Tobin sarebbe dovuta servire, nella sua prima versione, ad attenuare la stabilità sui tassi di cambio; molte comunque sono le critiche degli esperti sull’argomento, ma questo è un’altro discorso.

Ma sul discorso dei mutui come incide questa nuova tassa? Semplicemente si tratterà di un rincaro sui tipi di prodotti indicati nel titolo, in quanto le banche quando li erogano stipulano a copertura di eventuali rialzi del mercato dei contratti a garanzia, si tratta nello specifico dei Covered Warrant Cap e dei Interest Rate Swap, entrambi appartenenti ai derivati e quindi colpiti da uqesta imposta di bollo, perchè altro non è.

Alla fine di tutto ovviamente tali rincari per le banche si ripercuoteranno inevitabilmente sui tassi finali applicati ai mutui che già da tempo devono anche scontare spread elevatissimi e al di sopra della media europea.

bilancia_300p250_MOL