Nell’ambito della questione americana che tra il 2009 e il 2010 aveva visto molti mutuatari farsi pignorare la casa con pratiche come minimo poco ortodosse, come quella che vedeva migliaia di situazioni diverse essere liquidate in modo a dir poco superficiale, è stato recentemente raggiunto un’accordo dalle 10 banche evidentemente coinvolte nella questione, tra cui Bank of America e JpMorgan.

L’intesa che è stata siglata prevede una somma totale di 8,5 milardi di dollari dei quali 3,3 saranno dedicati al risarcimento di coloro che hanno subito dette pratiche scorrette (fino ad un massimo di 125 mila dollari ciascuno), mentre la restante parte sarà impiegata per prevenire ulteriori pignoramenti aiutando chi vive momenti di difficoltà con il mutuo.

L’accordo è stato trovato tra gli istituti su detti, e altri, la Fed e l’Office of the Comptroller of the Currency; quest’ultimo dice che l’obbiettivo è stato raggiunto e ne conseguiranno benefici per i consumatori vittime delle pratiche scorrette e della crisi.

bilancia_300p250_MOL