Sono ufficiali le novità sul conto termico che prevedono stanziamenti in denaro di 900 milioni di euro e la copertura del costo degli ineterventi fino al 40% per la realizzazione di piccoli interventi per migliorare l’efficienza energetica e per produrre energia termica da fonti rinnovabili.

Questo nuovo incentivo, che non è utilizzabile se si è già fruito di altre agevolazioni quale per esempio la detrazione del 55% (sullo stesso intervento), permette un massimo d’intervento fino al 40% e con tetti di spesa massimi che si differenziano in funzione dell’intervento e di altri parametri, come di seguito riportato:

Per interventi effettuati sull’involucro il massimo tetto di spesa sul quale applicare il 40% e 625 mila euro, oltre tale soglia la restante parte non sarà incentivata;

Per gli infissi, le caldaie a condensazione e i sistemi di ombreggiamento e schermatura, gli incentivi si differenziano in base alla zona climatica e/ alla potenza e vanno da un minimo 2300 euro fino ad un massimo di 60 mila euro, come indicato nel testo della Gazzetta.

Infine ricordiamo che per effettuare domanda di accesso agli incentivi presso il GSE non dovranno essere decorsi 60 giorni dalla fine dei lavori, maggiore approfondimento sul testo integrale della Gazzetta.