Mercato dei mutui in netta diminuzione nel 2012, ma nonostante questo ancora in molti hanno la voglia, e le garanzie, per qaccedere al credito divenuto così selettivo; questi “pochi” fortunati attualmente con i bassi livelli dell’euribor una buona scelta in merito al tipo di contratto, potrebbe essere quella del mutuo con tetto massimo.

Si tratta di un finanziamento agganciato all’indice euribor a tre mesi, nel nostro caso che andremo a spiegare sotto, che però è caratterizzato da una particolarità, il tasso massimo applicabile non potrà eccedere un prestabilito limite da contratto, anche all’aumentare del mercato di riferimento.

Questo ha ovviamente un costo maggiore in termini di spread applicato rispetto ad un tasso variabile puro, ma è comunque un buon compromesso qualità prezzo in quanto ci fa risparmiare rispetto al fisso, senza però incorrere in troppo sostanziosi rincari della rata che potrebbero divenire insostenibili.

Veniamo al nostro esempio offerto dalla banca IwBank che per un’ipotetico erogato di 130 mila euro da restituire in 20 anni comporterebbe oggi una rata di euro 762 circa al mese con taeg del 3,72% e tasso massimo applicabile del 6,10%.

Lo spread applicato è del 3,40%, il loan to value massimo permesso è dell’80% se acquisto prima casa, non ci sono spese aggiuntive ma è richiesta l’apertura del conto corrente. Per maggiori informazioni richiedi un preventivo gratuito e senza impegno.

bilancia_300p250_MOL