Continua imperterrito il Pdl nel cercare di far riaprire i termini del vecchio condono targato 2003; si tratta dell’ennesimo tentativo, in tutto compreso questo sono stati 17 dal gennaio del 2010, per permettere che si possano presentare domande ulteriori per fruire della sanatoria.

Questa volta a presentare l’emendamento alla legge di stabilità finanziaria, è stato il senatore Carlo Giovanardi, che include in tale emendamento anche la possibilità di sanare le violazioni commesse su beni sottoposti a vincolo ambientale e paesaggistico.

Molti i commenti negativi della classe politica, da Legambiente in primis, fino ai Verdi e al Pd, sono tutti concordi nel classificare questa ennesima iniziativa come irresponsabile, e c’è chi parla di campagna elettorale berlusconiana, regali alle ecomafie e a chi a fatto dell’illegalità una ragione di vita.

La legge di stabilità deve essere definitivamente approvata entro il 21 di dicembre e potrebbero ancora riprovare ad infilare l’emendamento, magari approfittando del caos politico di questi giorni; come si sa certe volte la realtà supera l’immaginazione.

bilancia_300p250_MOL