Oggi, e nel prossimo futuro ancora di più, diverrà sempre più importante costruire edifici che comportino un basso impatto ambientale, ed anzi che possano in qualche modo restituire qualcosa allo stesso.

Al Milano Architettura Design ed Edilizia 2012 tra le altre cose è stata presentata l’abitazione biologica al 100% cioè costituita di materiali che non arrecano danno all’ambiente, in questo caso la canapa, pianta dalle molteplici qualità.

Si tratta di un progetto della società Equilibrium, azienda attiva nella bioedilizia e nelle costruzioni di edifici ad alte prestazioni energetiche presente con il suo stand presso il Made Expo.

Tornando a questa meraviglia dell’edilizia, si tratta fondamentalmente di una costruzione realizzata con il Natural Beton, un materiale costituito da trucioli di canapa e calce idrata in grado di resistere al fuoco, con notevoli capacità isolanti ma sopratutto non emette esalazioni tossiche, nemmeno se incendiato e permette all’edificio di respirare nel vero senso della parola.

Infatti i microscopici pori e l’elevato contenuto in silice, permettono una straordinaria veicolazione del vapore acqueo che fuoriuscendo durante questo processo di “respirazione” concorre ad una migliore salubrità dell’ambinte.

Tale materiale può essere utilizzato sia per le nuove costruzioni, come in questo caso, oppure nelle ristrutturazioni riqualificazioni energetico ambientali.

Le sue peculiari caratteristiche nello specifico riguardano, la notevole capacità di trattenere il calore all’interno dell’abitazione e nello stesso tempo non permettere al freddo di penetrare nella stessa, grazie a piccolissime cavità piene d’aria; trattiene calore dall’ambiente e lo rilascia in un’unità di tempo maggiore (questa proprietà è detta inerzia termica ed è il risultato della combinazione dell’accumolo e della resistenza termica), e regola la presenza di umidità interna attraverso il processo di respirabilità.

Infine, aspetto non ultimo in termini di importanza, il processo produttivo per il materiale su detto è quasi ad impatto zero, poichè le temperature utilizzate per lo stesso sono, o quella ambiente, nel caso della combinazione meccanica tra truciolato di canapa e legante, o comunque minore di quella necessaria per la produzione del cemento, nel caso della calce, che si ottiene cuocendo pietra calcarea di discreta purezza.

Maggiori informazioni le potete trovare su www.equilibrium-bioedilizia.it