Direte voi ci si compra la casa per mettere su famiglia; sembra facile e bello ma purtroppo non è così, per lo meno per la maggior parte di noi. Vediamo di cosa stiamo parlando.

Prendiamo in considerazione un individuo della su detta età nato e cresciuto a Roma e magari anche disposto ad acquistare in estrema periferia, perchè tanto dei prezzi del centro o giù di li non voglio nemmeno parlare.

Zona Bufalotta per esempio, un quartiere che fino a poco più di dieci anni fa era immerso nel verde ma che ora è vittima incontrollata della cementificazione.

Una casetta diciamo di 50 metri con soggiorno angolo cottura camera e bagno, se sei fortunato con la finestra, non la trovi per meno di 200 mila euro, mi tengo basso.

A questo punto in considerazione del fatto che avere a disposizione una somma del genere in contanti è solo utopia, che le banche di mutui non ne parlano più di tanto e che i lavoratori detti precari (credo un 95% del totale sia rappresentativo della situazione) non vengono nemmeno quasi presi in considerazione dalle medesime, di cosa stiamo parlando?

Oggi però sono ancora più fortunato e la banca mi delibera il mutuo, ma sorpresa finanzia solo il 50% dell’operazione, e questo significa che circa 100 mila euro (non ci mettiamo dentro nemmeno i mobili, mediazioni e parcelle varie) li devo mettere di tasca mia.

A tali condizioni di mercato ci si meraviglia se il settore è allo sfascio, le persone nemmeno ci provano più ad entrare in banca ed il risultato finale e che solo nei primi tre mesi del 2012 le erogazioni sono scese del 47%?

Il morale della favola è che oggi una coppia trentenne con l’ipotetico mutuo su detto non ci fa proprio nulla.

Nel caso comunque in cui si disponga, sono contento per voi, della somma necessaria per versare un cospicuo acconto e delle adeguate garanzie che gli istituti richiedono, con uno strumento del genere puoi comparare decine di diverse offerte di finanziamenti e richiedere un preventivo gratuito.