Ecco un esempio di mutuo particolare nella fattispecie ed anche nella sua convenienza attualmente rafforzata dall’indice Irs che scende sotto quota 2%.

Si tratta di un finanziamento appartenente alla categoria dei tassi misti cioè quei contratti che variano il tipo d’ammortamento passando da variabile a fisso o viceversa.

Nel nostro specifico caso il tasso d’ingresso, così viene denominato il primo periodo di rimborso, dura cinque anni ed è fisso, quindi la rata verrà calcolata aggiungendo allo spread applicato dalla banca il parametro Irs di durata (5anni) oggi pari all’1,26%.

Ovviamente essendo l’Irs a cinque anni più basso delle altre durate anche la rata sarà minore rispetto ad un tasso fisso classico; decorso questo primo quinquennio si potrà scegliere se aggiornare l’Irs oppure scegliere il variabile in base Euribor a tre mesi.

Per fare un esempio pratico ipotizziamo 130 mila euro da restituire in 20 anni finalizzati all’acquisto della prima casa, unica finalizzazione permessa per questo prodotto.

In considerazione dei dati su detti la rata per le prime 60 mensilità sarebbe di 844 euro circa con Taeg al 5%, quindi più basso di quella che avremmo dovuto corrispondere se la stessa fosse stata calcolata per esempio con l’Irs a 20 anni.

Per maggiori informazioni richiedi direttamente una consulenza personalizzata alla Mutuionline.

bilancia_300p250_MOL