Al via il primo provvedimento attuativo da parte dellì’Isvap su uno dei punti contenuto nel decreto liberalizzazioni riguardante le assicurazioni sulla vita correlate al mutuo ipotecario.

Infatti nel decreto su citato sono contenute norme che impongono alle banche o agli intermediatori finanziari di presentare al cliente, qualora l’erogazione del finanziamento fosse condizionata ad una polizza vita, almeno due preventivi di due diverse società non riconducibili all’erogatore, con la possibillità comunque per il cliente stesso di reperire la polizza sul libero mercato se lo ritenesse necessario; viene inoltre vietato alle banche di percepire provvigioni sulla stipula delle polizza nel momento in cui siano beneficiarie delle stesse.

Da ieri è altresì disponibile sul sito dell’Isvap lo schema di regolamento con indicati i contenuti minimi che la polizza deve indicare in merito sia alle condizioni economiche riguardanti il premio, sia le modalità di pagamento se in unica soluzione oppure dilazionata negli anni; tutto questo allo scopo di aiutare il cliente nello svolgimento di un confronto tra i diversi prodotti offerti.

Ulteriore nota positiva sull’argomento riguarda il fatto che nel caso in cui il mutuatario abbia optato alla corresponsione del premio in unica soluzione anticipata, nell’eventualità di una surroga o di un’estinzione anticipata, la banca dovrà rimborsare la differenza sul premio in funzione del periodo rimanente ai fini del completo ammortamento.

Leggi il comunicato dell’Isvap QUI.