Con le recenti riduzioni del costo del denaro operate dal presidente Draghi, il mutuo a tasso variabile regolato in base alle operazioni di rifinanziamento della BCE, può essere una soluzione conveniente per il mutuatario che vuole, per lo meno inizialmente risparmiare qualcosa sull’importo della rata.

Ne è un esempio questo prodotto di Banca Sella, denominato “Ambra online BCE acquisto” offerto dal noto mediatore creditizio Mutuionline.it a condizioni esclusive rispetto a quelle presenti in filiale, vediamo quali.

Iniziamo col dire che essendo un tipo di contratto, così detto indicizzato, non è possibile per il contraente conoscere fin dall’inizio l’esatto l’importo delle rate future da pagare, visto che al variare dell’indice di riferimento di cui sopra, cambierà, in aumento o in riduzione, anche l’importo della mensilità; questo in generale è lo svantaggio di questo tipo di finanziamento, a fronte però di una minore onerosità rispetto al tasso fisso.

Si tratta di un credito che richiede un’iscrizione ipotecaria di primo grado pari al 200% della somma erogata, può avere un loan to value non superiore al 70% calcolato in base al valore cauzionale dell’immobile oggetto dell’ipoteca, prevede piani d’ammortamento dai 10 fino ai 20 anni e può essere finalizzato solo all’acquisto della prima casa.

Ipotizziamo ora una richiesta di mutuo con gli strumenti del broker su citato per esaminare tassi d’interesse e commissioni bancarie (spread).

Per un’erogato di 150 mila euro da rimborsare in 20 anni, ad oggi la rata da corrispondere sarebbe di euro 1010 circa con un tasso finito del 5,25%, quindi BCE 1% più spread al 4,25%, ed un Taeg del 5,67%.

Come spese aggiuntive necessarie all’erogazione, nella nostra specifica simulazione avremo circa 1000 euro d’istruttoria, il costo della perizia effettuata dal tecnico di fiducia della banca per la quale l’importo verrà comunicato dallo stesso, e l’assicurazione incendio e scoppio della quale dallas cheda del mutuo non si evince l’importo.

Ricordiamo infine, prima di giungere alle nostre conclusioni su questo prodotto di Banca Sella, che è obbligatoria l’apertura del conto corrente presso la filiale prescelta dal mutuatario, e che i tempi per la delibera del mutuo sono di 40 giorni a decorrere dalla ricezione da parte della banca dell’intera documentazione richiesta.

CONCLUSIONI
Tranne i tempi per l’erogazione che ci sembrano rientrare nella media, per il resto le condizioni economiche non sono delle più convenienti, lo spread al 4,25% è eccessivamente alto, ed anche 1000 euro di spese d’istruttoria non ci sembrano idonee, inoltre come tasso d’interesse finito siamo molto vicini ad un fisso, infatti se lo paragoniamo per esempio al mutuo fisso di Webank ipotizzando la stessa richiesta l’importo della rata è superiore soltanto di 30 euro circa, a fronte della sicurezza per tutta la durata del mutuo non è un gap significativo che possa giustificare il rischio di un tasso variabile.

Confronta le migliori offerte del web presenti a febbraio 2012 e richiedi un preventivo gratuito e senza impegno per l’ottenimento di una predelibera reddituale, clicca QUI.

bilancia_300p250_MOL