Nonostante la crisi delle banche che si ripercuote sui tassi d’interesse e sulla gamma di offerte dei mutui per la casa, alcuni istituti come Creacasa del gruppo Credem offrono ancora particolari prodotti anche con un’erogazione del denaro pari al 100% del valore dell’immobile da ipotecare.

Il prodotto in questione appartine a quella categoria di finanziamenti immobiliari, detti indicizzati, che risentono delle oscillazioni di mercato, ma che nel caso sepcifico non variano l’importo della rata da corrispondere ma bensì la durata del mutuo.

Quindi se per esempio si richiede un mutuo di durata ventennale, quest’ultimo all’aumentare dell’indice di riferimento, nel nostro caso Euribor a tre mesi, fino ad un massimo di dieci anni allungherà la durata del piano d’ammortamento invece del costo della rata.

I vantaggi sono due, il primo inerente il fatto che, come noto, le rate di un prestito a tasso variabile sono inferiori a parità di erogato, rispetto al classico tasso fisso, proprio perchè tale tipo di credito è più rischioso; in questo caso il secondo vantaggio è dato dalla possibilità di assorbire eventuali oscillazioni dei mercati senza che la rata debba necessariamente cambiare, è questo non è poco in quanto permette al mutuatario di stimare il proprio bilancio economico mensile, con una più lunga gettata.

Inoltre va ricordato che in un momento dove, sopratutto per i giovani, è molto difficle risparmiare una cifra per versare un congruo acconto sull’acquisto della casa, l’erogazione del 100% del valore può considerarsi una manna dal cielo; ricordiamo però che per effettuare tale operazione sarà altresì necessario trovare un venditore disposto a percepire il totale saldo, o quasi, del prezzo di vendita, contestualmente al rogito notarile, e non, come più comunemente avviene in diverse tranche, parola francese che significa fetta.

Veniamo ora ai numeri per renderci conto dell’effettivo costo di un mutuo del genere; ipotizzando con gli strumenti della Mutuisupermarket che propone questo prodotto di Creacasa, una richiesta di 140 mila euro da rimborsare in 20 anni con un loan to value del 100% (quindi valore dell’immobile ipotecato uguale all’importo erogato), avremo una rata mensile di euro 871 circa con un Taeg del 4,55%; tale rata si compone dell’indice Euribor a tre mesi più uno spread del 3%.

Infine per quanto rigurda le spese iniziali da sostenere per l’accensione del prestito, riguardo all’esempio di cui sopra, avremo l’istruttoria pari ad euro 1000, e l’assicurazione incendio e scoppio stimata, a scopo indicativo sulla media nazionale da Mutuisupermaket, in euro 400 circa; la perizia dell’immobile è gratuita.

Per maggiori informazioni e per un parere di fattibilità sulla specifica pratica, è possibile attraverso questo strumento, richiedere una consulenza personalizzata a distanza, tutto gratis e senza impegno.

Nota bene, è buona norma dopo l’eventuale ottenimento della predelibera reddituale, leggere i fogli informativi (disponibili su Mutuisupermarket.it) dell’istituto in questione prima di incaricare in modo formale (e quindi impegnandosi) la banca in oggetto.

bilancia_300p250_MOL