Oggi a fare la parte del leone sono ancora i mutui a tasso fisso, cioè quelli caratterizzati da una rata sempre uguale per tutta la durata del contratto, proprio come quello oggetto della presente recensione, offerto da Carige attraverso il broker Mutuionline.

Si tratta di un finanziamento ipotecario regolato in base Irs pari alla durata del piano d’ammortamento, più uno spread che vedremo nel dettaglio di seguito, eroga fino all’80% del valore immobiliare, può avere durate che vanno dai 10 ai 30 anni, e può essere finalizzato all’acquisto della prima casa o anche della seconda o ancora per ristrutturazione.

Vediamo ora quali sono i costi aggiuntivi da sostenere per accendere questo prodotto di Carige; prima di tutto possiamo vedere come le spese d’istruttoria sono gratuite se la richiesta di mutuo viene effettuata tramite il mediatore di cui sopra, mentre la perizia ammonterà ad euro 200 (più eventuali spese di viaggio sostenute dal tecnico), e l’assicurazione incendio e scoppi, obbligatoria dovrà essere stipulata presso la banca oppure da altra compagnia di gradimento.

Per quanto riguarda invece altre spese periodiche per la gestione, ci sarà da corrispondere mensilmente una commissione di incasso rata pari ad euro 2,50 cadauna.

L’erogazione del denaro può avvenire, a discrezione della banca, con modalità contestuale alla stipula ma solo previo pagamento di una commissione dell’1 per mille calcolata sull’importo erogato e comunque per somme non superiori ai 200 mila euro, altrimenti il tutto avverrà svolte le formalità per il consolidamento d’ipoteca.

ipotizziamo ora una richiesta con gli strumenti della Mutuionline per esamonare la rata ed il tasso d’interesse applicato; supponendo 160 mila euro da rimborsare in 25 anni la mensilità per il mutuatario sarà di euro 1200 circa con un tasaso finito del 7,67% ed un Taeg del 8,05%.

La rata come su detto è composta da due fattori il primo Irs a 25 anni rilevato alla pagina ISDAFIX2 del circuito Reuters il penultimo giorno lavorativo del mese precedente a quello di stipula del contratto, maggiorato dello spread nel nostro specifico caso pari al 5%.

Cosa dire di questo mutuo di Carige, certamente non è dei più convenienti rispetto ai suoi concorrenti, lo spread al 5% è veramente eccessivo, ed anche i due euro e mezzo di commissione d’incasso si potevano benissimo evitare; unica nota positiva sono le spese di istruttoria gratuite, ma completamente vanificate da un costo decisamente al di sopra della media per i tassi fissi.

 

bilancia_300p250_MOL