Accendere un mutuo per l’acquisto della casa comporta certamente molti pensieri e dubbi ma quello che più attanaglia la mente in questi casi è l’importo della rata ed eventuali suoi aumenti che sono possibili solo nel caso in cui si sia stipulato un mutuo a tasso variabile, quel tipo di contratto che appunto varia la quota interessi che compone la rata in funzione delle oscillazioni del costo del denaro.

Per ovviare a questo inconveniente l’unica vera strategia efficace al 100% è quella di stipulare un mutuo a tasso fisso, cioè caratterizzato da un piano d’ammortamento del quale conosceremo gli importi di ogni singola rata fino alla sua naturale scadenza.

Certo questo avrà dei costi maggiori rispetto al tasso variabile notoriamente meno oneroso ma più rischioso; ecco però che negli ultimi 4 mesi l’indice Irs che regola i principali mutui a tasso fisso si è notevolmente abbassato passando da circa il 4% di aprile scorso a poco più del 3% di settembre 2011, ragion per cui il momento sembra propizio per accendere nuovi mutui o surrogare quelli già stipulati.

Con questo strumento potrai confrontare i migliori mutui a tasso fisso disponibili oggi sul mercato, paragonarli ai tassi variabili ovviamente più convenienti ma non prevedibili, e richiedere un preventivo personalizzato per la tua specifica pratica di mutuo.

bilancia_300p250_MOL