Acquistare una casa con un mutuo ipotecario comporta per il mutuatario tutta una serie di costi oltre quello della rata, come per esempio le spese d’istruttoria, le assicurazioni collegate al mutuo, il costo della perizia eccetera.

Di tutte queste voci su dette il potenziale mutuatario si preoccupa moltissimo e per questo ricerca il mutuo migliore, magari l’offerta del mese, oppure preferisce un finanziamento per la casa piuttosto che un’altro per una differenza sulla rata di pochi centesimi.

Nell’ambito di tutto questo affaticarsi per risparmiare, viene quasi sempre perso di vista un costo, per nulla trascurabile, che la maggior parte delle volte il mutuatario è costretto a sostenere.

Si tratta del preammortamento tecnico del mutuo, cioè di quella quota interesse che va corrisposta dal mutuatario alla banca a fronte dei giorni che passano tra la stipula del contratto di mutuo e l’effettivo addebito della prima rata del piano d’ammortamento che avviene sempre alla fine del mese.

Quindi se il mutuo viene stipulato per esempio il giorno 15 del mese, insieme al costo della prima rata avremo anche da pagare l’interesse, applicato con lo stesso tasso del mutuo in oggetto, calcolato per i 15 giorni che passano tra rogito e prima rata.

Questo ulteriore costo quasi mai viene calcolato nelle spese, eppure esiste e non è affatto di poco conto, per esempio per un ipotetico mutuo di 100 mila euro da rimborsare in 30 anni con un tasso del 5% ed una durata del preammortamento di 15 giorni, il costo dello stesso sarà di circa 220 euro, una cifra questa che può fare la differenza sulla scelta di un mutuo piuttosto che un’altro.

Cerca QUI le migliori offerte di mutui online, e ricorda che per evitare il costo del preammortamento dovrai stipulare l’atto di mutuo il più vicino possibile alla data che la banca ha fissato per l’incasso delle rate da corrispondere.

bilancia_300p250_MOL