Ancora conveniente il mutuo a tasso variabile rispetto a quello fisso nonostante gli aumenti del costo del denaro che negli ultimi mesi si sono succeduti, ed è proprio del Mutuo Arancio indicizzato che parleremo in questa recensione.

Intanto ricordiamo che ad oggi considerando gli stessi parametri del mutuo (durata 30 anni, importo 150 mila, valore dell’immobile 200 mila, tipo di mutuatario e banca in questo caso Ing Direct) tra il tasso fisso ed il tasso variabile vi è ancora una differenza di ben 186 euro (verifica QUI), cifra questa che può giustificare il rischio di accollarsi un mutuo che può variare l’importo della rata come appunto quello oggetto del presente articolo.

Tornando a noi si tratta di un mutuo per la casa regolato in base Euribor a un mese più lo spread che cambia in funzione dell’importo richiesto, per erogati inferiori ai 100 mila euro si va dal 1,35% da 10 a 20 anni di durata, fino all’1,45% per durate fino a 40 anni, mentre per importi superiori ai 100 mila euro e fino ai 175 mila lo spread va dall’1,30% fino all’1,40%; infine se il mutuo ipotecario richiesto supera i 175 mila euro, lo spread considerato sarà pari all’1,10%.

Con questo mutuo a tasso variabile di Ing Direct chiamato Mutuo arancio, non avrete alcuna spesa aggiuntiva, infatti perizia, istruttoria, incasso rata, assicurazione obbligatoria incendio e scoppio ed altre spese di gestione annua sono pari a zero euro, ed inoltre è possibile beneficiare di un’ulteriore sconto sullo spread, comunque già in linea con il mercato, per chi addebita le rate del mutuo su di un Conto Corrente Arancio.

Le prime due rate saranno calcolate come stabilito in sede di stipula del contratto di mutuo, mentre a partire dalla terza in poi per chi avesse voluto annettere il Conto Arancio al mutuo ci sarà una riduzione dello 0,20%, percentuale questa affatto trascurabile sopratutto considerati gli importi elevati determinati dall’andamento delle quotazioni immobiliari.

Infine aspetto non meno importante e che l’apertura del conto non è affatto obbligatoria, come praticamente avviene per la quasi totalità degli altri istituti, e l’erogazione è contestuale al rogito ma solo se il venditore non è soggetto fallibile altrimenti l’erogazione avverrà con modalità differita e cioè svolte le formalità necessarie al consolidamento dell’ipoteca.

 

bilancia_300p250_MOL