Quando si acquista una casa attraverso l’aiuto della banca e quindi con un mutuo ipotecario, è sempre necessario abbinare al mutuo in questione una polizza assicurativa obbligatoria che solitamente è quella riguardante l’incendio e lo scoppio.

Detta polizza ovviamente serve a garantire il pagamento del debito residuo nei casi previsti appunto all’interno di essa; e fin qui niente di nuovo a parte che fino ad oggi queste polizze assicurative andavano obbligatoriamente stipulate con la stessa banca che ovviamente poneva le condizioni che più riteneva “giuste”.

Da circa un anno su questo discorso, che sarebbe poi quello di garantire anche in questo settore la competitività attraverso la concorrenza, l’Isvap aveva fatto sentire la sua voce, e recentemente l’Abi ha inviato proprio all’organo controllore delle assicurazioni, una nota informativa precontrattuale destinata al potenziale mutuatario ad integrazione di quella già prevista per legge, nella quale vengono indicate le condizioni con cui il mutuatario può altrove trovare la copertura assicurativa che necessita per quel determinato mutuo, senza più essere vincolato con lo stesso istituto.

Questa è una grande nota positiva in quanto garantire una maggiore concorrenza in un determinato settore significa anche un abbassamento dei prezzi, visto che alcune polizze per i mutui, e specialmente quelle così dette Cpi (Credit protection insurance) talvolta hanno costi proibitivi.

Cerca i migliori mutui con i relativi prodotti correlati, una volta trovato quello che fa per te potrai confrontare anche decine di diverse polizze a tua discrezione, tutto gratis con un paio di click.

bilancia_300p250_MOL