Dopo i recenti aumenti dei tassi d’interesse che hanno prima visto il costo del denaro salire dall’1% (minimo storico) all’1,25%, e più recentemente anche l’Euribor a tre mesi è salito di o,25 punti percentuali.

Ricordiamo che l’indice Euribor è il principale responsabile dell’andamento dei mutui a tasso variabile che vedono così le rate aumentare il loro importo all’aumentare dell’indice stesso.

Infatti secondo il rapporto del Centro Studi Confindustria (CSC) che stima quanto costeranno negli anni a seguire i diversi rialzi che l’Italia dovrà subire e sta già subendo, questi aumenti dei tassi d’interesse porteranno a chi ha già stipulato un mutuo a tasso variabile un’aumento della rata per fine 2011 calcolato in circa 85 euro mese, mentre per fine 2012 l’aumento mensile sarà di ben 162 euro.

Questo tradotto in soldoni da cacciare annui significa, considerando solo il 2012 perchè il 2011 è passato per metà, quasi 2000 euro in più da pagare, che per una famiglia che già non naviga in buone acque è una mazzata micidiale.

Utilizza questo strumento per vedere se puoi riuscire a trovare una soluzione che possa portare un po di risparmio alla tua famiglia, per esempio surrogando il tuo mutuo, è gratis e non comporta nessun tipo d’impegno.

bilancia_300p250_MOL