Prima di stipulare un contratto di mutuo per l’acquisto della casa è necessario fare il punto di tutti quelli che sono i costi direttamente correlati al mutuo stesso onde evitare di ritrovarsi senza fondi o peggio ancora senza fondi sufficienti ad espletare quelle che sono le spese obbligatorie.

La prima spesa che ovviamente a tutti viene in mente è l’importo della rata, che sicuramente è il costo che più ci preoccupa ma che non è l’unico riguardante il mutuo acquisto casa.
Infatti prima di arrivare al momento della corresponsione della prima rata del mutuo c’è tutta una serie di costi che ora vedremo.

Il primo sono le spese d‘istruttoria della banca, cioè quei costi che l’istituto sostiene per portare a termine tutte le formalità necessarie all’erogazione del mutuo, tale somma varia in funzione della banca che si sceglie ed è possibile anche trovare filiali che gratuitamente effettuano tali operazioni.

Poi è il turno della perizia sull’immobile, atta a verificare il valore commerciale del bene che viene dato in ipoteca a garanzia del pagamento delle rate del mutuo. Il suo costo varia da banca a banca, solitamente almeno 250 euro, ed anche qui si possono trovare istituti che la fanno effetuare gratis da uno dei loro periti, magari nell’ambito di un’offerta del momento.


Ovviamente avremo da pagare anche l’onorario del notaio che stipulerà l‘atto di mutuo tra voi (mutuatari) e la banca, e qui il ventaglio di parcelle che si apre è piuttosto ampio visto che il costo per una stipula del genere (come del resto per qualsiasi altro atto notarile) può variare anche di molto in funzione del notaio che si sceglie, e l’unico modo per risparmiare in questo caso è quello di armarsi di santa pazienza e farsi fare diversi preventivi.

Ora è il turno delle assicurazioni, in primo luogo quella contro l’incendio e lo scoppio, sempre obbligatoria; il suo costo varia chiaramente in funzione della banca che si sceglie ma in linea di massima un 1500 euro dovrebbero bastare per una polizza del genere, il suo pagamento può essere effettuato in unica soluzione al momento della stipula del mutuo, oppure è spalmabile su tutta la durata del contratto; oltre questo tipo di assicurazione ve ne possono essere altre facoltative
Non è finita c’è ancora l’imposta sostitutiva, che è pari allo 0,25% dell’importo erogato se acquistiamo come prima casa, mentre il 2% sempre dell’importo erogato per altri tipi d’acquisto.

Infine abbiamo le spese di tenuta conto e commissione d’incasso rata, si tratta praticamente del costo di gestione annuo del conto corrente (da aprirsi obbligatoriamente presso la banca erogante), e di una piccola commissione che gli istituti caricano su ogni rata che devono incassare, praticamente come si dice a Roma “una sola”.

La maggior parte dei costi su detti sono indicati nei fogli informativi che la banca dovrebbe consegnare al potenziale cliente in sede di consulenza, se stai cercando un mutuo prova questo servizio è facile veloce e non comporta nessun tipo d’impegno potrai verificare la fattibilità della tua pratica ancora prima di aver acquistato la tua nuova casa e avrai a dipsosizione tutte le informazioni necessarie al consumatore in fatto di mutui.

bilancia_300p250_MOL