Come già precedentemente detto assicurare la rata del mutuo può essere una soluzione che in caso d’imprevisti, a partire dalla perdita del lavoro fino ad arrivare alla morte, può rivelarsi una manna dal cielo e permettere alla famiglia di non andare in “banca rotta”.

Purtroppo però c’è ovviamente anche il rovescio della medaglia, che in questo caso si manifesta come un’eccessivo costo di queste assicurazioni sul mutuo non obbligatorie ma comunque sempre più frequentemente auspicate dalla banca stessa sopratutto se la parte mutuataria è mono reddituale.

Recentemente il presidente dell’Isvap (Istituto sulle assicurazioni private e d’interesse collettivo) Giannini, in un’assemblea aveva denunciato come il costo dei premi assicurativi di questo genere sono a dir poco esorbitanti e ben al di sopra di quello che sarebbe il costo dello stesso tipo di assicurazione scorporata dalla stipula di un mutuo per l’acquisto della casa.

Questo ovviamente significa che sono le banche ad effettuare un notevole ricarico per intascare ulteriori somme oltre gli interessi che ogni mese vengono corrisposti insieme al pagamento della rata mutuo, ed alla fine negli utlimi anni è proprio l’aggiunta di questi prodotti correlati a far si che lo stesso importo di mutuo a parità d’interesse percepito può dare vita ad una rata diversa.

Per quanto riguarda i costi, diciamo che in media la somma da sborsare per una protezione del genere oscilla dal 4 all’8% del totale erogato, ma tale percentuale non è affatto calcolabile a priori in quanto ogni banca ha la sua politica in merito, e le condizioni possono essere diverse in base alla durata del mutuo, ovviamente all’importo, al tipo di mutuatario, ed anche alla sua età, per esempio Unicredit concede anche credito ai più ansiani, ma in questo caso una polizza del genere diventa obbligatoria.

bilancia_300p250_MOL