Nell’ambito dell’operazione avviata e ormai quasi conclusa dell’Agenzia del Territorio volta ad individuare tutti quei fabbricati non dichiarati al catasto o che abbiano subito rilevanti modifiche o che abbiano perso il requisito di ruralità, sono state più di due milioni le così dette case fantasma individuate ed a oggi in parte ancora da censire.

I record di illegalità si è registrato al sud Italia, ma anche al nord certamente non sono mancate migliaia e migliaia di particelle dove si presume vi siano questo tipo d’immobili.

Per esempio in Lombardia il primato negativo è stato detenuto dalla città di Bergamo che con circa 15 mila unità individuate sun un totale della regione di ben 55 mila, fa capire quante irregolarità urbanistiche ci siano sparse sul territorio nazionale.

Con lo stesso sistema utilizzato in Lombardia, cioè la fotoidentificazione aerea, anche in Liguria sono stati individuati migliaia di questi fabbricati non censiti, praticamente su tutto il territorio nazionale siamo pieni di edifici per i quali i proprietari non hanno mai pagato un solo euro di tassa, e a proposito di questo va sottolineato che quegli immobili che saranno sanabili dopo aver pagato le giuste sanzioni torneranno ad essere regolari, mentre quelli non sanabili, che fine faranno?

bilancia_300p250_MOL